Marcello 2.jpg

M° Marcello Balena

Docente di Sax 

Classe 1971, fin da piccolo dimostra una forte passione
per la musica e per il sassofono. All’età di otto anni
inizia gli studi musicali nella scuola Comunale di
Orte, a cui fa seguito la sua esperienza all’interno
della banda musicale del Paese. In seguito prende
lezioni private mirate a sostenere l’esame di
ammissione al Conservatorio Statale di Musica.
Al termine dei tre anni della Scuola Media sostiene con
successo l’esame di ammissione, ed entra al
Conservatorio di Perugia. Seguono una serie di
importanti esperienze, sia dentro sia fuori
dall’Istituto Musicale; gruppi di musica da camera,
formazioni jazz, blues, pop rock. Nel 1992 partecipa a
Umbria Jazz come sassofonista soprano all’interno del
gruppo che mette in scena in 1° assoluta in Italia
“Treemonisha” la famosa opera di Scott Joplin.
Lo stesso anno vince una borsa di studio e frequenta i
corsi estivi della Berklee College of Music di Boston
tenuti a Perugia da Joe Lovano. Lo stesso anno si
diploma sotto la guida del M° Mario Raja.
Fanno seguito altre esperienze di studio con Eric
Daniel, Francesco Santucci e Maurizio Giammarco.
Lentamente inizia a farsi conoscere nel circuito dei
musicisti dell’Italia centrale, viene spesso chiamato
per effettuare turni in studio di registrazione, e a
partecipare in svariati live con band di diversa
estrazione musicale. Dal 1999 al 2002 è membro della
Paolo Belli Big Band con la quale partecipa a dischi,
tour e trasmissioni televisive su Rai.
Nutre da sempre la passione anche per il lavoro di
arrangiatore in studio di registrazione, inizia a
confrontarsi con il mondo dei vari software musicali a
disposizione per le registrazioni quali Logic, Cubase,
Digital Performer.

Nel frattempo si trasferisce a Milano, dove per circa
quattro anni ha modo di toccare con mano le realtà
della scena musicale nazionale, a cui fanno seguito poi
varie esperienze in ambito pop e televisivo. Nel
periodo della permanenza a Milano inizia l’esperienza
della composizione. Lo stile compositivo porta verso il
versante smooth jazz, con escursioni anche nel mondo
della fusion, successivamente la passione per Astor
Piazzolla lo porta verso un suono più acustico,
cambiando il basso elettrico con il contrabbasso, il
suono del Fender Rhodes con quello del pianoforte
acustico, la chitarra elettrica con quella classica, e
lo stile delle composizioni approda a sfumature di
tango, milonga eseguite esclusivamente con il sassofono
soprano. Attualmente vive e lavora a Orte,
un’affascinante borgo medievale al confine tra il Lazio
e l’Umbria. Nel 2012 proprio a Orte crea Demotape, una
piccola ma accogliente struttura dove all’interno
convivono diverse realtà del settore musicale; uno
studio di registrazione, una sala prove e una scuola di
musica.
Demotape è il frutto di più di venticinque anni di
esperienze, confronti con musicisti di livello
nazionale ed internazionale. E’leader di due quintetti
a suo nome, uno elettrico e uno acustico, con i quali
esegue dei brani di sua composizione, il quintetto
elettrico ha all’attivo due dischi; “Journey”
pubblicato per la Smilax Publishing e distribuito in
tutta Italia da Self e “Core”, uscito nell’estate 2019
e presente in tutti gli store digitali. Attualmente è
iscritto al 1°anno del Biennio superiore di Sassofono
Jazz al Conservatorio A.Casella di L’Aquila, inoltre
sta lavorando al suo terzo disco, questo nuovo lavoro
vede collaborazioni di livello internazionale, citiamo
tra gli altri John Patitucci, Ada Rovatti e Randy
Brecker.